Calcoli biliari uva di Oregon

Comment

Approfondimenti

Calcoli biliari uva di Oregon

Per ridurre il rischio di formazione dei calcoli biliari si raccomandano diversi rimedi naturali, come ad esempio l’uva di Oregon che garantisce altri effetti benefici grazie alle sue proprietà medicinali che si registrano a livello gastrointestinale. Originaria della costa occidentale del Nord America l’uva di Oregon questa bacca dal caratteristico colore giallo luminoso e dal sapore amaro è nota per le sue virtù come trattamento curativo in caso di problemi digestivi, dal momento che favorisce il benessere dell’intestino e della cistifellea, stimola la formazione di acidi biliari che prevengono la formazione dei calcoli. Come rimedio green si suggerisce la radice di uva Oregon in caso di costipazione persistente, agendo da lassativo naturale, è nota poi la sua capacità di stimolare il flusso della bile per questa ragione è indicata in caso di malattie della colecisti. Il rimedio naturale può essere indicato per il trattamento di altre problematiche quali: sindrome del colon irritabile, diverticolosi, emorroidi. L’uva di Oregon svolge anche un’azione detox che si esplica attraverso la purificazione del sangue e la disintossicazione del fegato. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.riza.it/benessere/sos-salute/5303/problemi-biliari-i-rimedi-naturali-per-il-benessere-della-cistifellea.html.

Il suo potere antibatterico

Calcoli biliari

Calcoli biliari

Si raccomanda di utilizzare questa erba sotto il controllo di un medico o di un naturopata di professione, e può essere assunto per via orale come infuso, tisana ma anche sotto forma di compresse o tintura, il rimedio può essere usato topicamente nella formulazione di creme ed unguenti utili per trattare alcune malattie della pelle. Di fatto l’uva di Oregon grazie alla concentrazione di alti livelli di berberina possiede proprietà anti-infiammatorie, antibatteriche, antimicrobiche, antisettiche; più precisamente il rimedio naturale è indicato contro Giardia lamblia, Entamoeba histolytica e Trichomonas vaginalis. Grazie alla sua azione antinfiammatoria ed antibatterica per questa ragione si raccomanda a chi soffre di acne, ma può essere anche usato per trattare altri disturbi della pelle quali: psoriasi, eczema e herpes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.