Intervento di Kasai: i diversi approcci

Comment

Approfondimenti

Intervento di Kasai: i diversi approcci

La prima opzione terapeutica per il trattamento dell’atresia biliare è offerta dall’intervento di Kasai per ricostruire una via di drenaggio necessaria per far fluire la bile dal fegato verso l’intestino. L’atresia biliare è una condizione caratterizzata da un processo infiammatorio a carico dei dotti biliari che si evidenzia al momento della nascita, l’infiammazione può insorgere ad ogni livello del sistema dei dotti biliari oppure entro o fuori dal fegato. A causa del processo di flogosi si evidenzia un danno ai dotti biliari con riduzione del flusso di bile dal fegato all’intestino, non è più possibile rimuovere le sostanze tossiche contenute nella bile che finiscono per riversarsi al di fuori dei dotti biliari danneggiati con insorgenza di fibrosi del fegato. Il chirurgo deve scegliere in base alle condizioni del paziente il più adeguato tipo di intervento di Kasai tenendo conto principalmente della forma di atresia delle vie biliari che il bambino presenta, e nel corso della procedura chirurgica si potrà esaminare il fegato per identificare anomalie ed effettuare una biopsia epatica. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.ameiitalia.org/latresia-delle-vie-biliari/.

Tipi di interventi

intervento di Kasai

intervento di Kasai

Un tipo di intervento molto comune viene eseguito in presenza di nessun dotto pervio (aperto) al di fuori del fegato, in tal caso i dotti biliari sono ostruiti e talvolta possono mancare dal duodeno fino alla superficie esterna del fegato. In presenza di dotti ostruiti si procede con l’asportazione totale fino alla superficie del fegato, si taglia l’intestino ed il fegato per trovare piccoli dotti biliari aperti che possono drenare bile in modo più efficace; così l’ansa intestinale viene isolata per essere poi unita alla superficie del fegato. Una seconda opzione chirurgica dell’intervento di Kasai si viene a delineare quando sono presenti dotti biliari pervi sotto il fegato e contengono bile; il chirurgo, dopo aver asportato le parti delle vie biliari ostruite provvederà a congiungere l’ansa dell’intestino alle vie biliari pervie. Il terzo tipo di intervento di Kasai si evidenzia quando il chirurgo trova pervi solo la colecisti ed il coledoco, mentre le vie biliari più vicine al fegato risultano essere otturate, si procede con l’asportazione delle vie biliari ostruite e più vicine al fegato, si congiungerà la colecisti a quella zona della superficie del fegato dove si possono trovare alcuni dotti biliari aperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.