• Pubblicità
  • Il quadro dei disturbi funzionali gastrointestinali

    Il quadro dei disturbi funzionali gastrointestinali I soggetti colpiti da disturbi funzionali gastrointestinali (FGID) risentono di un quadro di sintomi variegati, nel quale si associano spesso manifestazioni al decorso cronico o ricorrente a carico dell’apparato gastrointestinale. Tra i principali sintomi dei disturbi gastrointestinali si registrano: alterazioni della motilità intestinale con diarrea, stipsi oppure alvo alterno; […]
    Continua..
  • Quadro clinico dell’insufficienza surrenalica secondaria

    Quadro clinico dell’insufficienza surrenalica secondaria La carenza dell’ormone adrenocortocotropo (ACTH) determina un’ipofunzione surrenalica che causa il quadro clinico dell’insufficienza surrenalica secondaria. Questa condizione patologica è associata al panipopituitarismo ossia alla diminuzione della secrezione di ormoni ipofisari, e può verificarsi come conseguenza di altre patologie quali: tumori pituitari, granulomi, infezioni, traumi che distruggono il tessuto ipofisario. […]
    Continua..
  • Intervento di Kasai: i diversi approcci

    Intervento di Kasai: i diversi approcci La prima opzione terapeutica per il trattamento dell’atresia biliare è offerta dall’intervento di Kasai per ricostruire una via di drenaggio necessaria per far fluire la bile dal fegato verso l’intestino. L’atresia biliare è una condizione caratterizzata da un processo infiammatorio a carico dei dotti biliari che si evidenzia al […]
    Continua..
  • Formazione di ascessi addominali

    Formazione di ascessi addominali La raccolta di pus causata dalla proliferazione di batteri setermina la formazione di ascessi addominali che vengono classificati in intraperitoneali, retroperitoneali o viscerali, in base alla loro sede determinano nei pazienti un dolore continuo, in associazione a febbre, malessere generale, perdita di appetito e calo ponderale. Nella maggior parte dei casi […]
    Continua..
  • Peritonite forme e diagnosi

    Peritonite forme e diagnosi In alcuni casi la colecistite acuta può portare a complicazioni potenzialmente mortali come nel caso della peritonite dovuta alla perforazione della colecisti con diffusione dell’infezione all’interno dell’addome. Questa condizione si manifesta a causa della contaminazione batterica che provoca infiammazione della sierosa ossia del peritoneo che riveste i visceri e la cavità […]
    Continua..
  • Perché sorgono le coliche salivari

    Perché sorgono le coliche salivari Nel dotto o nel parenchima delle ghiandole salivari maggiori, sottomandibolare e parotide, possono formarsi dei calcoli, che possono ostruire i dotti di sbocco delle ghiandole causando le cosiddette coliche salivari. La composizione dei calcoli salivari (scialolitiasi) prevede la presenza di fosfato octocalcico, apatite e bruxite e possiedono un nucleo mineralizzato. […]
    Continua..
  • Sali biliari: il loro compito

    Sali biliari: il loro compito La principale componente organica nella bile è rappresentata dai derivati polari del colesterolo ossia i sali biliari che vengono sintetizzati nel fegato, accumulati nella cistifellea, secreti nel duodeno, dopo questo ciclo una quota importante viene riassorbita nell’ileo. Il fegato durante il trasporto attivo mette in circolo i sali biliari nei […]
    Continua..
  • Drenaggio delle vie biliari quando si esegue

    Drenaggio delle vie biliari quando si esegue Per migliorare le condizioni di salute dei pazienti colpiti da patologie delle vie biliari si ricorre ad una metodica terapeutica come il drenaggio delle vie biliari, che ad esempio consente di ridurre l’ittero. Si esegue un drenaggio biliare percutaneo per ridurre il ristagno di bile nel fegato provocato […]
    Continua..
  • Tumore della cistifellea criteri TNM

    Tumore della cistifellea criteri TNM Per analizzare l’evoluzione del tumore della cistifellea si impiegano i criteri TNM che permettono di poter individuare l’estesione della malattia. Per il tumore della cistifellea e per quello delle vie biliari sono stati classificati 4 stadi sulla base dei criteri TNM, ossia tre principali parametri quali: dimensioni del tumore primitivo […]
    Continua..