• Pubblicità
  • Quadro clinico dell’adenomiomatosi

    Quadro clinico dell’adenomiomatosi La presenza patologica di tessuto ghiandolare endometriale a livello del miometrio caratterizza il quadro clinico dell’adenomiomatosi che determina la formazione di tasche di mucosa che si inseriscono tra le lacune della muscolatura ipertrofica dando forma a dei piccoli diverticoli pericolecistici; talvolta possono manifestarsi dei processi di adenomiosi localizzata che vengono denominati adenomioma. […]
    Continua..
  • Farmaci coleretici quale effetto hanno

    Farmaci coleretici quale effetto hanno La classe dei farmaci coleretici viene prescritta per aumentare la secrezione biliare, determinando la formazione di bile con una ridotta concentrazione di colesterolo e più ricca di sali biliari, che così ne favorisce il processo di solubilizzazione, questi medicinali inoltre sono in grado di stimolare il regolare flusso della bile […]
    Continua..
  • Fosfolipidi quale compito svolgono

    Fosfolipidi quale compito svolgono La formazione dei calcoli biliari è dovuta in genere ad una ridotta solubilità del colesterolo e dei sali biliari nella bile, questa condizione viene normalmente garantita dai fosfolipidi ossia da molecole organiche che appartengono ad una classe di lipidi idrolizzabili a cui spetta un ruolo sia energetico che strutturale. Dal punto di vista della struttura chimica, […]
    Continua..
  • Test di laboratorio 5′-nucleotidasi

    Test di laboratorio 5′-nucleotidasi Grazie ai test di laboratorio è possibile esaminare le condizioni di salute del fegato e della colecisti, molti esami biochimici epatici e della funzione escretoria vengono eseguiti per valutare la funzionalità epatica. Tra i vari indici che vengono presi in considerazione bisogna segnalare la 5′-nucleotidasi, un enzima presente nelle membrane cellulari di […]
    Continua..
  • Sindrome di Aagenaes sintomi

    Sindrome di Aagenaes sintomi Il quadro clinico della sindrome di Aagenaes si caratterizza per la presenza di specifiche manifestazioni sintomatiche, il nome della patologia si deve all’omonimo pediatra di origine norvegese che per primo si è concentrato su questa condizione definendole i tratti peculiari, a partire da una generalizzata anomalia linfatica che determina lo sviluppo di piccoli vasi linfatici deficitari […]
    Continua..
  • Polipi della colecisti colecistectomia

    Polipi della colecisti colecistectomia Nella maggior parte dei casi i polipi della colecisti sono asintomatici e non richiedono alcun trattamento di tipo terapeutico, il ricorso all’intervento di colecistectomia è indicato in precise circostanze, ovvero quando i polipi presentano delle dimensioni significative, l’operazione chirurgica è consigliata anche nel caso in cui da controlli ecografici di monitoraggio si evidenzia una rapida crescita di […]
    Continua..
  • Carcinoma della colecisti mutazioni genetiche

    Carcinoma della colecisti mutazioni genetiche La forma più comune e severa di cancro del tratto biliare è rappresentato dal carcinoma della colecisti di cui si ipotizza anche un’eziologia legata a mutazioni genetiche: è stata rivelata una certa suscettibilità genetica scatenata da un’infiammazione cronica della colecisti con patogenesi legata a delle tipiche mutazioni a carico di KRAS, INK4a, […]
    Continua..
  • Stenosi iatrogene del dotto epatico comune

    Stenosi iatrogene del dotto epatico comune Il trattamento chirurgico per via laparoscopica o per via laparotomica delle patologie delle vie biliari extraepatiche può determinare l’insorgenza di diverse complicanze iatrogeniche ed una delle più importanti complicanze della colecistectomia è rappresentata dalla lesione del dotto biliare comune definita in termini medici stenosi iatrogene del dotto epatico comune. […]
    Continua..
  • Corretto funzionamento della cistifellea taurina

    Corretto funzionamento della cistifellea taurina Numerosi studi sperimentali hanno dimostrato che fare ricorso ad alcune sostanze utili per il corretto funzionamento della cistifellea ma allo stesso tempo si mostrano in grado di limitare il rischio di formazione dei calcoli biliari, tra le sostanze a cui attribuire queste capacità bisogna segnalare la taurina (l-taurina), un amminoacido […]
    Continua..
  • Colecistite succhi pancreatici: quale può essere la relazione

    Colecistite succhi pancreatici: quale può essere la relazione Sono diversi i meccanismi patogenetici che possono dare origine alla colecistite tra cui  la risalita di succhi pancreatici contenenti diversi enzimi digestivi che possono alterare l’integrità della mucosa colecistica, si tratta in questo caso di un fattore eziologico di natura chimica. Il succo pancreatico si compone di numerosi enzimi […]
    Continua..